Armilla Meccanica. Nel cielo – Fabio Carta

Trama

“I Meka incarnavano un’idea, quasi un’ideologia in verità, quella del gigantismo meccanico dell’umanità alla conquista delle stelle. Troppo grande l’universo per affrontarlo con le sole piccole membra fornite all’uomo dalla natura”.

Su una remota miniera extrasolare Geuse, un vecchio mek-operaio, giorno dopo giorno vede i frutti del suo duro lavoro sfumare a causa di una crisi economica senza precedenti, che coinvolge tutte le colonie della Via Lattea. Come molti altri medita di prendere ciò che gli spetta e di cambiare vita. Ma non è così facile.

Ad anni luce da lì la Metrobubble, la capitale finanziaria della galassia, è stravolta dallo slittamento temporale tra sistemi planetari, dai disordini e dalle rivoluzioni. Ora a regnare è un feroce dittatore che si fa chiamare Meklord. I nativi del pianeta, i queer, gli fanno guerra per quanto possono, mentre attendono l’aiuto della Terra o di chiunque avrà il coraggio di sfidare per loro le maree del tempo e le armate meccaniche del tiranno.

Un liberatore, un pirata, un avventuriero… o anche solo un semplice operaio.

Recensione

“Nel Cielo” è il primo libro della trilogia “Armilla Meccanica” di Fabio Carta, una storia fantascientifica che vi catapulterà in un emozionante viaggio interstellare.
Tutte le comunità della Via Lattea sono alle prese con la ChainCrack, un collasso economico incomparabile accompagnato da un declino morale e sociale tale da essere in pratica diventato spartiacque tra due epoche storiche: la vita PRE e POST ChainCrack.
Proprio a causa di questa crisi si rende quasi indispensabile la ricerca di nuovi pianeti e di risorse utilizzabili, ricerca che però è inevitabilmente accompagnata da grosse problematiche derivate dalla colonizzazione, come ad esempio l’insediamento forzato a discapito dei popoli nativi e lo sfruttamento indisciplinato di quei territori.
In una vecchia miniera di una delle tantissime Spire presenti nella galassia, un anziano mek-operaio, Geuse, insieme a  Scrama e Gasindio, cercano di riscattarsi provando a salvare il salvabile. Ma non sarà affatto facile. In tutto questo marasma però Geuse, grazie a lunghissime ore di meditazione, riesce a percepire la voce di una donna che lo guiderà nella sua avventura. Ma sarà solo frutto della sua immaginazione o sarà qualcos’altro?
Al contempo, la Metrobubble, capitale finanziaria della galassia che dista anni luce da lì, è sconvolta dai vari disordini sociali e dalle rivoluzioni che i queer, tra cui Ahanata, autoctoni di quella Spira, stanno mettendo in atto contro Meklord, brutale dittatore che si è imposto come leader. Qualcuno riuscirà a captare la richiesta d’aiuto di questo popolo oppresso? Un fantomatico salvatore, un pirata….o chissà,  magari un semplice operaio?
L’idea di fondo del romanzo è molto ingegnosa ed articolata ed ho trovato particolarmente interessante il discorso dello slittamento temporale tra i vari sistemi planetari, nonché il tema più filosofico sull’esistenza stessa o meno del Tempo in sé per sé.
La lingua e lo stile inoltre di per sé proiettano il lettore in un futuro lontano anni luce e dominato da macchine e mondi remoti.
Ma se da un lato questo linguaggio così tecnico e artificioso concorre a donare una maggiore verosimiglianza al racconto avvenieristico, dall’altro comporta una difficoltà di lettura tale da costringere il lettore meno avvezzo a certa termilogia a tornare spesso sui suoi passi per cercare di comprendere meglio quello che sta succedendo. E ciò, ovviamente, rende l’esperienza di lettura più pesante e meno fluida.
Basti pensare che in certi punti, sembra di trovarsi di fronte ad un trattato di astro-fisica, ingegneria, teologia e filosofia tutto insieme piuttosto che davanti ad un romanzo sci-fi.
In sintesi un primo capitolo questo non di facile approccio ma sicuramente molto valido, e che lascia una bella curiosità di sapere cosa accadrà in seguito!
Volevamo ringraziare l’autore, Fabio Carta, che ci ha gentilmente fornito una copia gratuita in cambio di una recensione onesta.
Voto ☆☆☆1/2
Elisa&Mara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: